Servizi on line

terremoto-emilia-bancamalatestiana

Banca Malatestiana partecipa alla raccolta fondi “emergenza terremoto in Emilia”

09:36 07 June in Differente nei fatti
In seguito al violento terremoto che ha colpito vaste zone delle provincie di Modena e Ferrara, il sistema del Credito Cooperativo ha attivato un programma di raccolta fondi denominato “emergenza terremoto in Emilia”
A questo fine è stato attivato da Federcasse (l’associazione delle 412 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali italiane) un conto corrente aperto presso Iccrea Banca (L’istituto centrale del Credito Cooperativo) del quale si forniscono le coordinate.
 
IBAN IT05 R 0800 03200 000800032001
intestato a FEDERCASSE con la causale “EMERGENZA TERREMOTO IN EMILIA”
 
Obiettivo della raccolta fondi è definire uno o più interventi a favore dei territori colpiti, sia per rispondere alle immediate esigenze legate all’emergenza, sia per favorire le opere di ricostruzione dei centri abitati e del tessuto economico produttivo.

In collaborazione con la Federazione delle BCC dell’Emilia Romagna e con le Banche locali interessate saranno individuate le iniziative più urgenti da sostenere, anche in virtù della particolare conoscenza del tessuto economico e sociale di una zona ad alta vocazone imprenditoriale, pesantemente colpita, forse più di quanto si possa evincere dalle immagini televisive, nella sua più profonda realtà produttiva. Un evento drammatico che minaccia la ripresa e l’uscita dalla crisi che si stava avviando.

Davanti a questo drammatico scenario, Banca Malatestiana, con l’obiettivo di dimostrare concretamente il proprio interesse e la propria partecipazione, contribuendo e favorendo un maggior spirito solidale, “rinuncia” all’applicazione delle commissioni sui bonifici disposti dai cittadini a favore delle popolazioni emiliane, pertanto tutti i bonifici effettuati presso le filiali di Banca Malatestiana o via internet sui conti appositamente ideati per affrontare l’emergenza terremoto e per incentivare la ripresa delle attività produttive, sono esenti da commissioni.
 

07.06.2012